//
you're reading...
Mentalist mania

Che ne pensate del doppiaggio?

Io preferisco The Mentalist in lingua originale

the-mentalist

Il Team al completo

Un tempo, quando qualcuno si lamentava che i telefilm in lingua originale erano molto meglio ed il doppiaggio italiano li trasformava completamente, sorridevo educatamente e non davo peso a quello che sentivo ritenendo i doppiatori italiani molto bravi.

Ora che ho fatto il grande passo e The Mentalist (e tutte le altre serie americane che mi appassionano) le guardo in lingua originale con i sottotitoli (e qualche volta anche senza!! Wow), devo aggregarmi al club dei detrattori del doppiaggio: è vero! Impoverisce una serie piuttosto che arricchirla.

Spesso i caratteri stessi dei personaggi vengono “traditi” nel doppiaggio, perdendo di fatto tutto il loro fascino. Come Cho che viene derubato della sua “freddezza” e razionalità, o a Jane che diventa troppo “giocoso” e privo di quel lato dark che, Simon Baker in certi momenti, è in grado di regalare.

E’ una questione di incapacità? Di soldi? Fatto sta che io non riesco proprio più a guardare le serie doppiate! In alcuni casi la cosa è meno evidente e dannosa: CSI per esempio ci guadagna!

Secondo me eliminare il doppiaggio avrebbe un effetto positivo. Ci si abituerebbe ad ascoltare l’inglese e, con il tempo, imparare la lingua straniera più utilizzata nel mondo degli affari sarebbe più semplice, no?

Con il digitale è possibile seguire le serie TV in lingua originale (su Italia 1 e Rete 4), peccato che non sia sempre attivo il servizio dei sottotitoli!! Classico in Italia no?

Discussione

7 pensieri su “Che ne pensate del doppiaggio?

  1. Sono d’accordo con te! Anche io prima pensavo che il doppiaggio non fosse male e non capivo perchè si lamentassero…poi ho iniziato a guardare le puntate in lingua originale e non ho più smesso! La voce di Simon Baker mi piace molto mentre se ascolto quella italiana mi viene da associarla anche ad altri attori e non mi piace (non so se mi sono spiegata :P). Comunque, devo dire che questo vale per le mie serie preferite, che seguo in lingua originale, mentre per le altre non ho molti problemi visto che le ho sempre seguite in italiano.

    Pubblicato da A. | marzo 4, 2012, 2:39 pm
  2. Aldilà di The Mentalist (la mai serie culto, si era intuito?) ;-D anche altre serie TV subiscono danni dal doppiaggio. Non so se ti è mai capitato di vedere True Blood. In italiano sembra tutta un’altra serie!! Addirittura i personaggi vengono completamente stravolti!! Per esempio Jason, che il più delle volte appare un po’ tonto (una versione di George W. Bush della Luisiana per intenderci), in italiano sembra addirittura intelligente!! Glom… E Tara? Senza il linguaggio da scaricatore di porto non è più lei!! Non so se sia una questione di “censura” o di soldi… fatto sta che non riesco proprio a guardare certe serie TV doppiate! E poi, aldilà degli stravolgimenti dei personaggi, ammettiamolo… la lingua inglese è veramente bella da sentire… Non c’è storia…😉

    Pubblicato da thementalistfan | marzo 5, 2012, 1:17 pm
  3. Purtroppo True Blood non l’ho mai visto, però capisco cosa intendi, per esempio, in Bones nel doppiaggio italiano certe battute le cambiano stravolgendo tutto il discorso…anche certe battute (divertenti) vanno perse…Cmq hai ragione anche a me piace molto l’inglese🙂

    Pubblicato da A. | marzo 5, 2012, 6:35 pm
  4. Ciao, prima di tutto desidero ringraziarti per aver creato questo blog: anch’io considero “The Mentalist” la mia serie culto ma finora non ho trovato molto in giro per la rete, se non qualche notizia nei siti dedicati alle serie tv.
    Per quanto riguarda l’argomento del post, devo dire che preferisco il doppiaggio italiano. Ho guardato i primi quattro episodi dell’ultima stagione in lingua originale (visto il modo in cui si era conclusa la terza non ho saputo proprio resistere!🙂 ) ma poi ho preferito aspettare fino a marzo e ricominciare a vederli nella nostra lingua. Probabilmente ciò è dovuto al fatto che ho cominciato a guardare la serie in italiano e quindi sentire le vere voci degli attori mi è sembrato un po’ strano. Ma ho in programma di cominciare con qualche nuova serie guardando tutti gli episodi in lingua originale (anche per imparare, un po’ alla volta, l’inglese).

    Pubblicato da Emanuele | luglio 11, 2012, 1:33 pm
    • Ti ringrazio Emanuele, sei molto gentile. Fa sempre piacere trovare altri appassionati di TM come me. Sul doppiaggio hai ragione, è per lo più questione di abitudine ed ho provato la tua stessa sensazione con Fringe. Per quanto riguarda The Mentalist, invece, proprio non riesco a tornare alla versione doppiata, addirittura quando scrivo le mie fanfiction mi verrebbe più naturale scrivere i dialoghi in inglese. Non vedo l’ora che sia il 30 settembre!!

      Pubblicato da thementalistfan | luglio 13, 2012, 2:53 pm
  5. Io invece dovrò portare pazienza fino alla prossima primavera, ho deciso che mi vedrò la quinta stagione solamente in italiano. Naturalmente per non rovinarmi la sorpresa dovrò evitare anche gli spoiler che gireranno per la rete, nonché cercare di non leggere i post che pubblicherai a commento dei futuri episodi.
    Spero solo che questi buoni propositi non si sciolgano come neve al sole con l’arrivo dell’autunno!

    Pubblicato da Emanuele | luglio 13, 2012, 6:44 pm
  6. Dipende, io a volte guardo prima gli episodi sottotitolati, poi doppiati. In certe serie il doppiaggio è molto utile, e permette di seguire meglio lo svolgersi della trama, mentre in altre cambia completamente i personaggi, in molti casi in peggio, a volte migliora però (come Dr House doppiato da Sergio Di Stefano, nelle stagioni 1-7, trovo che la sua recitazione fosse migliore di quella dello stesso Laurie, che è molto simile invece al doppiatore successivo, Luca Biagini; anche in CSI è molto bella la recitazione di Francesco Pannofino/Grissom, o quella di Micaela Esdra). In The Mentalist trovò che ci sia una diversità, in quanto la voce di Acerbo è meno profonda e più alta di tonalità rispetto a quella di Baker (lo stesso problema, più evidente, di Monk, con la differenza evidente tra Tony Shalhoub ed Eugenio Marinelli). La voce di Sandro Acerbo, tuttavia, è abbastanza adattabile, ad esempio in Patrick risulta un po’ diversa da quella di Mac Taylor/Gary Sinise di CSI (è sempre lui).
    Però tutto sommato in TM le voci vanno abbastanza bene (a parte Bertram/Iovino, non perchè reciti male, anzi, ma tutte le volte penso sempre a Mr Burns, essendo una voce molto riconoscibile! Scherzo…). Gli errori sono più che altro del direttore del doppiaggio Massimo De Ambrosis (anche voce di Red John), sia nella recitazione, ad esempio quando legge “affidabile” anziché “affabile” (4×24), o nell’adattamento abbastanza libero del dialogo Jane/Partridge del pilot (Jane fa una battuta sul ghoul e su Britney Spears, tradotta con una battuta sul fatto che è “un credulone e si eccita con un film horror), o il fatto di aver usato la sua voce, perfettamente riconoscibile (la seconda volta un po’ più distorta) per RJ e per Timothy Carter, senza avere la sicurezza che fosse davvero lui, anche se c’è da dire che comunque ha mantenuto lo stesso tono alto e acuto della voce originale.

    Pubblicato da Stefano R | novembre 1, 2012, 11:48 am

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Cookies

Utilizzando questo blog, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti Leggete la privacy policy completa

Facebook page

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: